annalaura

Gli sposi escono dalla chiesa preceduti dai paggetti e le damigelle
(JUSTIN TALLIS/AFP/Getty Images)

Vi spiego perché il matrimonio di Pippa ha messo d’accordo critici e criticoni di tutto il mondo!

maggio 23, 2017 , In: Eventi, Moda , With: No Comments
2

Senza voler ridondare noiosamente sulle notizie di gossip, lette e rilette, su tutti i giornali vi dirò perché questo matrimonio è piaciuto a molti:

iniziamo dall’abito della sposa!

Vi prego, astenetevi da commenti quali: “a me non piace il pizzo” o “per me troppo castigato”, il pizzo che la neosposina ha indossato non è certo quello che si trova nei negozi che vestono VOI comuni mortali!

Vestita interamente di pizzo MACRAME’ (antica tecnica che prevede l’intreccio di fili, in questo caso di seta, in nodi) disegnato dallo stilista inglese Giles Deacon e cucito a mano per far sparire le cuciture, con sottogonna di tulle per dare ampiezza e movimento, un lunghissimo velo realizzato da Stephen Jones pieno di ricami mignon, tiara ovvero coroncina (ma non certo di Swarovski!!!) e scarpe di raso color avorio di Manolo Blahnik (guarda caso niente sandali zeppati pieni di cafonissimi strass!!).

Pippa conosciuta per il carattere pepato (osò persino vestirsi di bianco, appannaggio esclusivo delle spose, al matrimonio della sorella dando decisamente nell’occhio per di più con un abito ben fasciante sul lato B…per dirne una!) è apparsa sobria ma molto femminile, l’abito era attillato ma raffinato, delineava perfettamente il suo fisico sportivo ed asciutto e le maniche ad aletta ne mettevano in risalto il braccio tornito e le spalle larghe. La scollatura a cuore sul retro era di una grandezza tale da farsi notare ma non da mettere allo scoperto troppa schiena.

Delicato anche il make up, la rendeva bella senza appesantirla e la pettinatura raccolta non era così barocca da stravolgerle i connotati, forse un pò troppo abbronzata (che si sa non fa molto chic!) ma voglio immaginare che sia il frutto delle sua passione per lo sci.

Insomma possiamo dire che ha dato una bella lezione di classe a tutte le aspiranti spose: si può essere meravigliosamente prime donne senza eccedere in nulla (trasparenze, scollature, trucco e parrucco!).

Eppure…eppure Pippa a guardarla bene, non è bellissima, non certo quella bellezza che ti fa girare per strada per cui i commenti maligni sulla disparità esteriore tra lei ed il marito proprio non li condivido (vorrei vederla appena sveglia sinceramente prima di parlare di disparità!!).

Kate, anch’ella, era deliziosamente chic: l’abito, di Alexander McQueen, dal richiamo anni ’50 in uno dei colori più di moda della stagione, il nude, risultava femminile, così lieve e svolazzante.

Pochi gioielli (un anello di Lady D ed orecchini a goccia), niente unghie da strega (!!), cappellino realizzato per l’occasione e decolletè, tutto ton sur ton, perfettamente nelle righe – nè sopra, per non offuscare la sposa, né sotto essendo pur sempre la Duchessa di Cambridge nonchè l’ospite più atteso. 

Deliziosa nel suo essere spontanea e vera, mamma senza deleghe dei piccoli George e Charlotte nel ruolo di paggetto e damigellina, con pantaloni a sbuffo in stile ’700 per lui e coroncina di fiori per lei…l’amore!!

C’è chi l’ha trovata scontata, beh credo che questi stessi individui si meritino i look trash che si vedono sui red carpet hollywoodiani e non tale raffinata eleganza!!

Il matrimonio è stato criticato per il suo sfarzo e la sua ostentazione, definito un matrimonio da favola per il costo esorbitante di 250 mila sterline, ma sapete che vi dico?? Vedo ogni giorno, soprattutto in questo periodo, matrimoni comuni talmente sfarzosi da costringere le famiglie ad indebitarsi, ostentazione di uno stile di vita assolutamente irreale e tutto questo senza un minimo di buon gusto ma sguazzando nel mare magnum del kitsch di ogni dettaglio…ed allora ben vengano i soldi così spesi da Pippa e dal marito, ricco finanziere (!), se sono stati capaci di regalarci esempi gradevoli di tale ricercatezza.

p.s. ovviamente sugli scivoloni degli invitati non daremo la colpa agli sposi! 😉

See u soon

Annalaura

 

Federer con la moglie!

 

tutti al circoooo!!!

 

Forse ci stiamo “pavoneggiando” un pò troppo no?!

 

La rezza (=rete dei pescatori) NO PLEASE!!

 

L’unica invitata che forse era graziosa ma non esasperata nel suo outfit!

 

There are no comments yet. Be the first to comment.

Leave a Comment

8 + undici =

Annalaura Gaudino

Fashion Blogger

Alle casette ed ai prati verdi, da piccolina, preferivo disegnare sfilate di moda. Così ancora oggi esprimo il mio essere attraverso di essa: sperimentandola, vivendola, parlandone e trasformandola nel mestiere di fashion designer. È il superficiale che diventa essenziale perché strumento di comunicazione attraverso forme, colori e tessuti così da manifestare carattere, umore e pensieri ad un mondo che sempre meno ha il tempo di fermarsi e conoscerti. Mi incuriosisce qualsiasi cosa possa fare più bella una donna perché possa diventare tutto un gioco per rendere più leggera e colorata la vita. Loquace da sempre, laureata in Scienze Politiche, è in fondo dal bello che sono attratta di continuo ed è per questo che mi piace raccontare in forma lieve e sincera quello che scopro ogni giorno nel mio piccolo mondo, nei miei viaggi e negli eventi che mi portano a conoscere posti e location sempre affascinanti. Seguirmi sarà una passeggiata, di quelle romantiche, lungo i viali della leggerezza per poi fermarci a chiacchierarne come in un salotto buono tra amici. È qui che vi aspetto! See u soon Annalaura

Instagram Photos